FINALMENTE VIENE DEFINITIVAMENTE RECEPITA DALLA GIUNTA PROVINCIALE LA NOSTRA PROPOSTA DI RISPARMIO SUI CANONI DI LOCAZIONE

victory.jpg

Vittoria! Alla fine hanno ceduto all’evidenza.

Quando ormai, come gruppo consiliare, avevamo preso la decisione di inviare tutta la documentazione relativa alle locazioni e i relativi canoni pagati dall’Amministrazione Provinciale alla Corte dei Conti, la Giunta ha assunto quella decisione che tanto abbiamo auspicato e che non poteva più essere rimandata.

Recependo per intero la nostra proposta di risparmio sui canoni di locazione avanzata nella nostra azione in Consiglio Provinciale, l’esecutivo ha deciso di spostare presso l’ex sede dell’Istituto Geometri di Via Lepanto (di proprietà della Provincia e inutilizzato) l’Ufficio Scolastico Provinciale, fino ad oggi invece ospitato presso dei locali presi in affitto al costo di oltre 185.000 euro l’anno. Questo dopo aver già deciso di trasferire gli uffici del Settore Ambiente e Suolo, per i quali si pagavano affitti per ulteriori 190.000,00 euro annui, presso altri locali di proprietà della Provincia.

Devo confessare quanto sia gratificante prendere coscienza che la propria azione di amministratore, totalmente condivisa e supportata da un gruppo consiliare serio e unito quale è quello del PD in Provincia, porti un risparmio alla comunità di quasi 400.000,00 euro annui. Ed è altrettanto gratificante che questo percorso sia stato condiviso anche da parte dei colleghi consiglieri di maggioranza che hanno dalla loro il grande merito di aver parimenti contributo al raggiungimento di questo importante risultato.

Questo il testo della delibera della Giunta Provinciale:

PROVINCIA DI ORISTANO
DELIBERAZIONE ADOTTATA DALLA GIUNTA PROVINCIALE IN SEDUTA DEL 1/10/2013 N° 109
OGGETTO: RAZIONALIZZAZIONE DELL’OCCUPAZIONE DEGLI EDIFICI PROVINCIALI

L’anno duemilatredici giorno uno del mese di Ottobre, alle ore 9,30, nella sala delle riunioni del Palazzo Provinciale in Oristano, convocata nei modi e termini di legge, si è riunita la Giunta Provinciale con l’intervento dei Signori:

de Seneen Massimiliano Presidente Presente
Cera Emanuele Vice Presidente Assente
Attene Gianfranco Assessore Assente
Corrias Serafino Assessore Presente
Marras Alfonso Assessore Presente
Murana Alessandro Assessore Presente
Pia Gianni Assessore Presente

Assiste il Segretario Generale Dott.sa Luisa Orofino

LA GIUNTA PROVINCIALE

PREMESSO CHE:
– La razionalizzazione degli spazi occupati dai soggetti pubblici, al fine di contenere la spesa per locazioni, manutenzioni e gestione è diventata un obiettivo imprescindibile nella recente attività nota come Spending Review;
– La normativa attualmente in vigore per le Amministrazioni Statali impone l’adozione di piani di razionalizzazione degli spazi da rapportare alle effettive esigenze funzionali degli uffici ed alle risorse umane impiegate con precisi parametri di superficie (in caso di edifici esistenti tra 20 e 25 mq per addetto e in caso di nuova costruzione o di ristrutturazione integrale tra 12 e 20 mq per addetto) ed azioni, quali lo scarto d’archivio, favorevoli alla riduzione dell’occupazione degli spazi;
– Le implicazioni delle suddette normative sulle attività provinciali sono evidenti in quanto alcune sono direttamente applicabili ed altre sono applicabili agli Istituti di Istruzione Superiore per la parte occupata dalle attività amministrative e all’Ufficio Scolastico Provinciale in quanto Uffici di Amministrazioni dello Stato;
– Con deliberazioni n.75 e n.76 del 25/06/2013 la GP ha incaricato i Dirigenti del Settore Promozione del Territorio e del Settore Ambiente e Suolo di adottare gli atti opportuni per la disdetta delle locazioni passive, in Oristano, rispettivamente, di via Carducci n.9-11 e via Liguria 10 e 60;
– Nella citata delibera n.75, inoltre, si incaricava il dirigente del Settore Edilizia di individuare e proporre tempestivamente alla GP le soluzioni più adeguate per assicurare all’Ufficio Scolastico Provinciale idonei locali alternativi, privilegiando l’utilizzo degli immobili di proprietà o nella disponibilità dell’Ente, mentre nella delibera n.76 si stabiliva il trasferimento degli uffici tecnico- amministrativi del Settore Ambiente e Suolo nei locali provinciali di via Carducci- Oristano e delle squadre operative nei locali provinciali di via Parigi- Oristano;

VISTA la relazione del dirigente del Settore Edilizia che, dopo aver esaminato il contesto generale della razionalizzazione dell’occupazione anche per gli istituti scolastici, propone le provvisorie soluzioni che rispondono prontamente all’esigenza generale di ridurre le spese provinciali per fitti passivi, rimandando – per gli uffici provinciali- la soluzione definitiva al completamento dell’edificio ex-Provveditorato agli Studi ed ex-Università e ad una eventuale riorganizzazione funzionale della struttura burocratica provinciale;

RILEVATO dalla relazione che:
– l’andamento annuale del numero dei nati applicato al numero di nuovi iscritti alle scuole superiori:

Anno 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011
N° nati 1194 1212 1192 1129 1100 1129 1077 1090 1163 1154 1151 1124 1178
% numero nati rispetto all’anno prec. -5.8 1.5 -1.7 -5.3 -2.6 2.6 -4.6 1.2 6.7 -0.8 -0.3 -2.3 4.8
% numero nati rispetto al 5° anno prec. -7.7 -6.6 -2.7 -10.9 -7.9 -6.8 -9.6 -3.5 5.7 2.2 6.9 3.1 1.3
anno di arrivo alla 1° classe delle superiori 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 2020 2021 2022 2023 2024 2025
 % numero nati rispetto al 1999 0 -6.6 -9.3 -20.2 -28.1 -34.9 -44.5 -48 -42.3 -40.1 -33.2 -30.1 -28.8

evidenzia, seppure con tutti i limiti derivanti dalle necessarie assunzioni di semplificazione, come la tendenza negativa delle nascite comporterà la continua riduzione degli iscritti con un notevole calo delle iscrizioni;
– la riduzione del numero degli iscritti, che nel 2020 raggiungerà il 48% rispetto al valore attuale, la completa applicazione delle previsioni contenute nei DPR n.87, n.88, n.89 del 15/03/2010 di riordino dell’Istruzione Secondaria di II grado, e i processi politico- amministrativi che potrebbero interessare l’assetto territoriale delle Province Sarde con conseguenze -qualora vi fosse un’integrazione territoriale- anche sulle attività didattiche per gli istituti superiori ubicati in prossimità degli attuali confini, comporteranno l’esigenza di adottare azioni di riorganizzazione continua delle Istituzioni Scolastiche per accompagnare e governare questi processi;
– con l’attuale assetto delle Istituzioni Scolastiche non appare possibile pervenire in tempi brevi ad una significativa e generale riduzione dei costi di manutenzione e gestione degli edifici scolastici a meno di non procedere alla incondizionata riorganizzazione degli Istituti;
– è stata positivamente verificata la fattibilità del trasferimento dell’Ufficio Scolastico Provinciale dai locali di via Carducci nell’edificio di via Lepanto che, per rispondere alle norme sulla sicurezza dei luoghi di lavoro, dovranno preliminarmente essere adeguati;
– l’Ufficio Scolastico Provinciale ha, nel tempo, costituito un imponente archivio di pratiche sul personale che, a vario titolo, ha presentato istanze;
– la superficie dell’intero piano terra dei locali di via Lepanto, se valutata con gli standard di occupazione degli uffici, potrebbe risultare adeguata per ospitare l’Ufficio Scolastico Provinciale, ma non anche l’archivio che invece può trovare sistemazione nell’intero terzo piano, qualora venisse adeguatamente dotato di sistemi per la prevenzione degli incendi;
– l’Ufficio Scolastico Provinciale ha comunicato l’inadeguatezza dell’occupazione del solo piano terra a causa delle numerose tipologie di attività svolte che necessitano di spazi diversamente articolati rispetto alle soluzioni più open space consentite dalla logistica e l’esigenza di disporre di un’aula multimediale dove poter sistemare le attuali attrezzature;
– il trasferimento del Settore Ambiente dei locali di via Carducci non comporta spese rilevanti per l’infrastrutturazione mentre la spesa di trasloco è stata stimata il 20.000€;
– seppure il trasferimento del Settore Edilizia non sia stato esplicitato in precedenti atti deliberativi, i contenuti della delibera relativa al trasferimento del settore Ambiente comportano l’esigenza di trasferire anche il Settore Edilizia e che, qualora non si adottassero atti di organizzazione funzionale che potrebbero consentire anche una differente e migliore occupazione della sede principale, l’unica soluzione possibile è quella di trasferire provvisoriamente il Settore edilizia in locali dell’edificio di via Lepanto;
– le spese per il trasferimento degli uffici e dell’archivio dell’Ufficio Scolastico Provinciale, sono stimate in 35.000€ mentre le spese per interventi di manutenzione straordinaria per l’adeguamento degli impianti -elettrico, rete locale, telefonico, antincendio e antintrusione- dell’edificio di via Lepanto al fine di renderlo adeguato ad ospitare l’Ufficio Scolastico Provinciale sono stimate in 71.000€;

DATO ATTO CHE vi è la concreta possibilità che la Società di Intermediazione Locale del Patto Territoriale di Oristano possa occupare per attività istituzionali uno dei piani dell’edificio di via Lepanto;

CONSIDERATO CHE:
– dato il notevole l’impegno lavorativo che gli uffici provinciali dovranno spendere per le attività di messa a norma e la straordinarietà dell’intervento di adeguamento degli impianti dell’edificio, risulta opportuno che già, per quanto possibile, gli impianti per i diversi piani risultino indipendenti così da favorire la prevedibile occupazione autonoma degli stessi e pervenire ad un significativo risparmio qualora successivamente, si verificasse detta esigenza;
– la serie di riorganizzazioni delle Istituzioni Scolastiche necessarie per accompagnare e governare i processi di riduzione del numero degli iscritti e di completa applicazione delle previsioni contenute nei DPR n.87, n.88, n.89 del 15/03/2010 di riordino dell’Istruzione Secondaria di II grado potranno prevedere la rassegnazione degli edifici scolastici alla nuove istituzioni per cui non risulta ora prioritaria la realizzazione degli interventi di messa a norma dell’edificio “Mossa”;
– le risorse necessarie per l’adeguamento e la manutenzione straordinaria dell’edificio di via Lepanto e dei relativi impianti possono essere conseguentemente individuate tra quelle stanziate sul cap. 21554/2011 per “Adeguamento prevenzione incendi Istituto Mossa e ITG via Lepanto”, dove vi è ampia disponibilità;
– data l’intrinseca indeterminatezza della quantificazione dei costi trattandosi di interventi di manutenzione straordinaria su impianti esistenti, quantificati in 71.000€, e della mancata quantificazione degli interventi di manutenzione straordinaria degli impianti di condizionamento e di riscaldamento l’importo complessivo da assegnare per gli interventi risulta opportuno incrementarlo fino a 99.500€;
– la citata relazione del dirigente del Settore Edilizia non quantifica gli importi necessari per dotare i piani superiori al terra, di impianti di condizionamento;
– qualora vi fosse l’occupazione indipendente dei diversi piani dell’edificio di via Lepanto alcuni locali del piano terra potrebbero risultare, opportunamente, destinati per attività condivise quali quelli per i servizi di rete dati e telefonica, di impianto anti intrusione e antincendio, e per sala riunioni del piano terra, dovendo pertanto detrarsi dalla disponibilità esclusiva dell’Ufficio Scolastico Provinciale e per aula multimediale al piano primo;

ACQUISITO il parere “favorevole” del Dirigente del Settore Edilizia, Ing. Enzo Sanna, espresso ai sensi dell’art. 49, comma 1 del D.Lgs n. 267/2000.

DELIBERA

1) Di prendere atto dei contenuti della relazione Razionalizzazione dell’occupazione degli edifici provinciali e scolastici predisposta dall’ing. Enzo Sanna dirigente del Settore Edilizia, ed in merito adottare i provvedimenti realizzabili nel breve periodo e con risorse limitate;
2) Di indicare come obiettivo per l’edificio di via Lepanto il raggiungimento di una configurazione adeguata ad ospitare più tipologie di utenze per uffici rendendo indipendenti gli accessi e le varie infrastrutture impiantistiche;
3) Di autorizzare il trasferimento dell’Ufficio Scolastico Provinciale dai locali di via Carducci a quelli di via Lepanto destinando a tal proposito:
– il piano terra, esclusi i 3 locali da destinare a funzioni condivise e per i servizi tecnici comuni;
– il terzo piano da destinare ad archivio, o qualora vi fossero minori occupazioni, ad uffici;
4) Di autorizzare il trasferimento del Settore Edilizia dai locali di via Parigi in quelli al secondo piano di via Lepanto;
5) Di dare atto che rimane disponibile il primo piano dell’edificio, esclusa l’aula multimediale da destinare a servizi condivisi, per perfezionare accordi di collaborazione col SIL Patto Territoriale;
6) Di dare atto che a seguito del trasferimento del Settore Edilizia da via Parigi a via Lepanto il piano terra della palazzina di via Parigi potrà essere occupato dalla SPO srl e che i locali a piano terra del capannone occupati dalla SPO srl potranno essere destinati alle attività di disinfestazione (deposito, spogliatoio, servizi igienici) mantenendo nella disponibilità della SPO srl i locali occupati per deposito;
7) Di autorizzare l’utilizzo delle risorse disponibili sul cap. 21554/2011 “Adeguamento prevenzione incendi Istituto Mossa e ITG via Lepanto”, per la messa a norma degli impianti e la compartimentazione dell’edificio di via Lepanto in Oristano, già sede dell’ex Istituto per Geometri “Brunelleschi”, fino ad un massimo di 99.500€, dando altresì atto che qualora detto importo dovesse risultare insufficiente si potrà incrementare con ulteriore deliberazione;
8) Di dare atto che le spese per il trasloco dell’Ufficio Scolastico Provinciale da via Carducci in via Lepanto sono state quantificate in 35.000€ e che allo stato non vi sono risorse rese disponibili;
9) Di autorizzare sin d’ora l’avvio delle procedure di affido dei servizi di trasloco condizionando l’efficacia dell’affido all’effettiva disponibilità delle risorse;
10) Di autorizzare l’avvio delle procedure di cambio di destinazione d’uso dell’edificio di via Lepanto- Oristano così che possa ospitare uffici;

con separata votazione ad esito unanime,
11) di dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile.

Letto, confermato e sottoscritto
IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA (on. Massimiliano de Seneen)
IL SEGRETARIO GENERALE (Dott.ssa Luisa Orofino)

FINALMENTE VIENE DEFINITIVAMENTE RECEPITA DALLA GIUNTA PROVINCIALE LA NOSTRA PROPOSTA DI RISPARMIO SUI CANONI DI LOCAZIONEultima modifica: 2013-10-04T23:25:00+02:00da frafederico
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento