Istituzione del servizio di Micro Raccolta dell’Amianto. Proposta di Emendamento al Bilancio di Previsione 2020/2022 della Città di Oristano

IMG_20180920_145059-2Per il Bilancio di previsione 2020/2022 della Città di Oristano abbiamo voluto, assieme ai colleghi Efisio Sanna e Maria Obinu, presentare all’attenzione della Giunta Lutzu dei suggerimenti per il futuro di Oristano che riguardano la Cultura, l’Ambiente, la Mobilità, il Settore Turistico.
Il secondo emendamento propone alla Giunta Lutzu l’istituzione del servizio di Micro Raccolta dell’Amianto, di grande importanza per il nostro territorio comunale dove la fibra killer è purtroppo ancora estremamente diffusa.
La Micro Raccolta si propone come attuabile rimedio al degrado ambientale derivante dallo smaltimento improprio di manufatti in amianto, con l’attivazione, per le utenze del servizio di gestione dei rifiuti, di procedure apposite per la raccolta e lo smaltimento di piccole quantità di tale materiale.

Il testo dell’emendamento protocollato il 03/03/2020:
EMENDAMENTO N. 2: MICRO RACCOLTA AMIANTO
Presentatori: Francesco Federico, Efisio Sanna, Maria Obinu
TESTO EMENDAMENTO:
La descrizione dell’obiettivo della scheda della Missione – Programma 0903: Sviluppo sostenibile e tutela del territorio e dell’ambiente–Rifiuti – Indirizzo Strategico: ORISTANO CITTA’ SOSTENIBILE – Obiettivo Strategico: L’AMBIENTE COME RISORSA – Obiettivo Operativo: POLITICHE PER L’IGIENE URBANA del DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE 2020 – 2021 – 2022 (pag. 89 del DUP messo a disposizione dei Consiglieri), che nella proposta della Giunta Municipale presenta la seguente stesura:

Verranno implementate le politiche per la diminuzione della produzione di rifiuti, quale prima regola che deve orientare qualsiasi scelta in materia di gestione dei rifiuti.
L’Ente, con il nuovo appalto la cui procedura di gara verrà avviata nel corso del 2019, individuerà le azioni nel campo della prevenzione e riduzione dei rifiuti, come dovrà incentivare, per quanto possibile, il ricorso alle casette dell’acqua che rappresentano un chiaro segno di sostenibilità ambientale perché valorizzano l’utilizzo all’acqua di rete, evitano la produzione di rifiuti derivanti dalla plastica e, inoltre, consentono economie per le famiglie. Le politiche di riduzione devono passare attraverso interventi di informazione e di educazione ambientale rivolti ai cittadini e alle categorie economiche, in quanto le buone pratiche in tema di rifiuti dipendono in larga parte dall’adozione di comportamenti virtuosi e dalle sensibilità individuali. L’Amministrazione intende consolidare e rafforzare le politiche di sostenibilità ambientale, con particolare riferimento alle azioni per lo sviluppo della raccolta differenziata dei rifiuti ed ai significativi risultati ottenuti negli ultimi anni con il progetto “4ERRE”che ha portato Oristano ai vertici nazionali, conseguendo uno dei primi posti in Italia nella classifica di Ecosistema Urbano di Legambiente. In particolare attraverso la riorganizzazione dei servizi di igiene urbana unitamente ai servizi di manutenzione degli spazi pubblici si intende conseguire un efficientamento complessivo della qualità dei servizi ed una razionalizzazione dei relativi costi, superando la soglia percentuale del 80% per la raccolta differenziata e diminuendo le percentuali di secco conferite in discarica.

Viene così integrata:
Verranno implementate le politiche per la diminuzione della produzione di rifiuti, quale prima regola che deve orientare qualsiasi scelta in materia di gestione dei rifiuti.
L’Ente, con il nuovo appalto la cui procedura di gara verrà avviata nel corso del 2019, individuerà le azioni nel campo della prevenzione e riduzione dei rifiuti, come dovrà incentivare, per quanto possibile, il ricorso alle casette dell’acqua che rappresentano un chiaro segno di sostenibilità ambientale perché valorizzano l’utilizzo all’acqua di rete, evitano la produzione di rifiuti derivanti dalla plastica e, inoltre, consentono economie per le famiglie. Le politiche di riduzione devono passare attraverso interventi di informazione e di educazione ambientale rivolti ai cittadini e alle categorie economiche, in quanto le buone pratiche in tema di rifiuti dipendono in larga parte dall’adozione di comportamenti virtuosi e dalle sensibilità individuali. L’Amministrazione intende consolidare e rafforzare le politiche di sostenibilità ambientale, con particolare riferimento alle azioni per lo sviluppo della raccolta differenziata dei rifiuti ed ai significativi risultati ottenuti negli ultimi anni con il progetto “4ERRE”che ha portato Oristano ai vertici nazionali, conseguendo uno dei primi posti in Italia nella classifica di Ecosistema Urbano di Legambiente. In particolare attraverso la riorganizzazione dei servizi di igiene urbana unitamente ai servizi di manutenzione degli spazi pubblici si intende conseguire un efficientamento complessivo della qualità dei servizi ed una razionalizzazione dei relativi costi, superando la soglia percentuale del 80% per la raccolta differenziata e diminuendo le percentuali di secco conferite in discarica. Come azione di contrasto al degrado ambientale derivante dallo smaltimento improprio di manufatti in amianto è intenzione attivare, per le utenze del servizio di gestione dei rifiuti, procedure apposite per la raccolta e lo smaltimento di piccole quantità di tale materiale (micro raccolta).

Istituzione del servizio di Micro Raccolta dell’Amianto. Proposta di Emendamento al Bilancio di Previsione 2020/2022 della Città di Oristanoultima modifica: 2020-03-04T22:40:13+01:00da frafederico
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento