Nostra proposta di acquisizione del tratto di Mura Giudicali di via Diego Contini

Oristano, mura di Mariano

Oristano, mura di Mariano

Torniamo in possesso del nostro patrimonio storico e culturale.

Attraverso il reinvestimento di una piccola parte dei due milioni e mezzo di euro incassati dal Comune con la cessione dell’area dell’ex Mercato Ortofrutticolo di via Marconi abbiamo presentato all’attenzione del Consiglio Comunale una nostra proposta di acquisizione al Patrimonio Comunale, e quindi di tutta la nostra Comunità, del tratto di Mura Giudicali di via Diego Contini, angolo via Sant’Antonio, presenti all’interno un’area al momento di proprietà privata dando così seguito alla interpellanza, sullo stesso tema, da noi presentata nei mesi scorsi.

E’ vero, ci sono tantissimi interventi da fare ad Oristano.
Lo sappiamo benissimo, viviamo da sempre nella nostra Città. Ma sappiamo anche che investire una parte delle risorse per la riacquisizione e la valorizzazione del nostro patrimonio storico e culturale sia un intervento strategico dai tanti riflessi positivi per oggi e per il futuro in termini
(solo come semplice esempio) di:
riqualificazione e maggior decoro urbano;
– riconoscimento dell’importante ruolo di Oristano, non solo in Sardegna, nell’età giudicale;
maggior crescita turistica ed economica.

 

Questo il testo della nostra proposta:
“Acquisizione al patrimonio Comunale dell’area di interessa storico-culturale ospitante una porzione delle mura medievali, posta tra la Via Sant’Antonio e la Via Diego Contini”

Premesso che diverse amministrazioni che si sono succedute hanno deciso e confermato l’alienazione dell’area di via Marconi più comunemente denominata “ area ex mercato ortofrutticolo” dove, appunto per tanti anni ha avuto sede il mercato all’ingrosso della frutta, verdura ed ortaggi;
che l’area in questione è stata oggetto di cessione del corrispettivo di vendita “a corpo” e a base d’asta fissato in 1.573.000,00 con scadenza di presentazione delle domande al entro e non oltre le ore 13.00 del Giorno 12/06/2020;
che il giorno 16/06/2020 alle ore 12.00, si è espletata l’ asta pubblica per la vendita del sopra descritto immobile con il metodo delle offerte segrete;
rilevato che la procedura di vendita, di cui sopra, ha avuto esito alquanto positivo con una offerta di oltre 2.500.000, dichiarata valida con un aumento del 60% rispetto al presso fissato a basta che si traduce in circa 900 mila euro;
considerato che Oristano possiede un interessante patrimonio dal un punto di vista storico, culturale e che gran parte di questi beni hanno un ruolo centrale per lo sviluppo della città , e che potrebbero esercitare un ruolo di maggiore forza per l’economia locale e per la crescita turistica;
valutato che non solo lo stato e le regioni hanno compiti in materia di beni culturali e che sono demandate anche ai Comune tutte quelle azioni e quelle politiche volte alla la valorizzazione dei beni culturali non solo per il loro mantenimento e conservazione ma anche per un loro corretto e proficuo utilizzo, il tutto in un quadro di leale cooperazione di attività tra vari enti;
atteso che è condivisa da tutti l’esigenza che l’amministrazione Comunale possa destinare, nell’ambito delle proprie disponibilità, parte delle risorse alla sezione di bilancio dedicata alla tutela e alla valorizzazione di beni e attività culturali;
evidenziato che è in corso un progetto di valorizzazione delle mura medievali della città di Oristano atto a riportare alla attenzione di tutti un simbolo fondativo e fondamentale della città;
che senza alcun dubbio le mura medievali costituiscono per Oristano una testimonianza di notevole valenza dal punto vista storico-monumentale e di eccezionale importanza sotto il profilo identitario;
dato che il terreno posto tra la via Sant’Antonio e la via Diego Contini ospita una interessante porzione di mura medievali, in ideale continuità con la parte opposta della via sant’Antonio, vale a dire quella confinante con la piazzetta Pili già oggetto (negli anni passati) di valorizzazione e conservazione;
verificato che il terreno di proprietà privata, di cui trattasi, è stato messo in vendita.

Tutto ciò premesso il Consiglio Comunale, impegna il Sindaco e la giunta

– a verificare la possibilità di acquisire al patrimonio comunale il terreno ospitante una porzione di mura medievali di cui alle premesse ubicato tra la via Sant’Antonio e la via Diego Contini, attraverso le forme ritenute più convenienti per l’amministrazione Comunale, ivi compresa l’ipotesi dell’utilizzo di una parte delle risorse (non impegnate nel bilancio di previsione) derivanti dalla differenza tra prezzo d’asta e offerta economica di compravendita derivante dalla alienazione dell’area dell’ex mercato ortofrutticolo.

Efisio Sanna, Francesco Federico, Maria Obinu

Nostra proposta di acquisizione del tratto di Mura Giudicali di via Diego Continiultima modifica: 2020-06-22T20:16:02+02:00da frafederico
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento