Non è meglio iniziare i lavori del Foro Boario ai primi di gennaio?

Senza nomeCrediamo che con un minimo di buon senso e lungimiranza si possano ridurre i disagi ai cittadini e alle attività commerciali durante la realizzazione dei lavori al Foro Boario.

Con l’inizio dei lavori presso il Foro Boario per la realizzazione di due rotonde e la realizzazione delle vasche di raccolta delle acque piovane, l’amministrazione comunale ha previsto una serie di divieti riguardanti la circolazione delle auto nell’ingresso Ovest della nostra Città, ossia quello utilizzato dai residenti di Silì e da chi arriva dai centri dell’interno della nostra Provincia.

L’amministrazione prevede la chiusura al traffico nel tratto che dal Foro Boario arriva all’incrocio per la circonvallazione Nord (quella che conduce verso il ponte del Rimedio).

L’intenzione sarebbe quella di deviare il traffico di ingresso verso la Città proprio sulla Circonvallazione e conseguentemente, per i sensi unici oggi presenti, fino alla alla rotonda del Rimedio per poi poter finalmente entrare in Città utilizzando l’ingresso Nord (quello di Ponti Mannu).

Tutto ciò creerà un tortuoso percorso che allungherà di diversi chilometri l’accesso in Città per chi è obbligato ad utilizzare l’ingresso di via Vandalino Casu oltre un ovvio sovraccarico di traffico all’ingresso Nord (paradossalmente anche uscita, visto il necessario passaggio in entrambi i sensi di marcia sui ponti da e verso il Rimedio).

Tra le conseguenze che forse non tutti hanno ben considerato vi è il possibile intasamento che molto probabilmente andrà a crearsi nella stessa circonvallazione Nord all’altezza del Centro Commerciale, tra chi attenderà pazientemente per immettersi sul ponte del Rimedio e i tanti che invece cercheranno di risparmiare il doppio attraversamento del fiume Tirso, provando a utilizzare il parcheggio dello stesso Centro Commerciale quale scorciatoia per via dei Maniscalchi e poi per la vicina rotonda di via Cagliari.

C’è il timore che questa scelta possa creare nel suo complesso grande confusione e diversi disagi non solo per chi entra in Città utilizzando l’ingresso Ovest, ma di fatto al traffico veicolare di gran parte della Città. Non di meno, pare di dubbia opportunità il momento scelto per l’inizio di questi importanti lavori.

Per questo abbiamo presentato una interrogazione urgente per chiedere al Sindaco Lutzu se l’amministrazione intenda prendere in considerazione anche percorsi alternativi (ad esempio per il quartiere di Torangius) o se abbia già previsto interventi sulla circonvallazione Nord atti ad alleggerire i prevedibili temuti disagi.

Abbiamo inoltre suggerito allo stesso Sindaco Lutzu di rinviare all’inizio del prossimo gennaio gli interventi al Foro Boario (dei quali siamo comunque assolutamente convinti della necessità riguardo la loro realizzazione), per evitare durante il periodo natalizio ulteriori ripercussioni negative alle attività commerciali che gravitano in quella area, anch’esse già colpite in maniera importante dalla crisi derivante dalla pandemia del Covid 19.

Questo il testo dell’interrogazione presentata assieme a diversi colleghi della minoranza:

Interrogazione urgente con richiesta di risposta scritta riguardante gli imminenti interventi nell’area del “Foro Boario” e in particolare sulla relativa regolamentazione del traffico da e per la Frazione di Silì (Strada Provinciale 55)

 I sottoscritti consiglieri comunali Francesco Federico, Andrea Riccio, Efisio Sanna, Maria Obinu, Patrizia Cadau e Monica Masia,

vista l’ordinanza n. 269 del 01/10/2020, sottoscritta dal Dirigente del Settore Lavori Pubblici e Manutenzioni, avente come oggetto “Via Vandalino Casu – Divieti temporanei alla viabilità. Su committenza Comune di Oristano. Dal 05 ottobre 2020 fino a cessate esigenze.” nella quale si stabilisce, a far data dal 10 novembre p.v., l’istituzione di importanti divieti di circolazione riguardanti l’ingresso Ovest della Città di Oristano, fino a cessate esigenze, per l’esecuzione dei necessari lavori di riqualificazione dell’area del “Foro Boario”;

considerato che la stessa determina stabilisce che il traffico in ingresso proveniente dal lato “frazione di Sili verso Oristano” (e pertanto tutto il traffico della S. P. 55) verrà deviato nella S.P. n. 93 (strada provinciale di circonvallazione);

considerato altresì
che l’ingresso Ovest della nostra Città interessato dai divieti di circolazione stabiliti dalla predetta ordinanza, è la porta di ingresso di un importante flusso veicolare che arriva, oltre che dalla Frazione di Silì, anche da diversi importanti centri della Provincia;

che la deviazione sulla circonvallazione nord della Città (S. P. n. 93), non avendo essa alcun ingresso diretto verso il Centro abitato, comporterà l’obbligo di attraversare “Ponti Mannu” in entrambi i sensi di marcia, prima in uscita verso la rotonda del Rimedio e poi nuovamente verso l’ingresso Nord della Città;

che tale contorto tragitto, obbligatorio visti gli inevitabili sensi unici di marcia, oltre ad allungare considerevolmente il percorso per le auto provenienti dalla Frazione di Silì, e per tutte quelle comunque in entrata dalla S. P. 55, sarà ovviamente causa di un prevedibile appesantimento del traffico veicolare, in entrata e paradossalmente anche in uscita, nell’ingresso Nord con conseguenti rischi, rallentamenti e disagi in entrambi i sensi di marcia;

che nella determina non è specificato il termine temporale dei suddetti divieti di circolazione;

con richiesta di risposta scritta,
interrogano urgentemente il Sindaco Lutzu e la Giunta

per conoscere
– se non si ritiene opportuno rinviare l’inizio dei necessari lavori di riqualificazione dell’area del “Foro Boario” al prossimo gennaio per non causare durante il periodo natalizio ulteriori ripercussioni negative alle attività commerciali che gravitano in quella area, anch’esse già colpite in maniera importante dalla crisi derivante dalla pandemia del Covid 19;
se coloro diretti a (o in uscita da) Torangius, provenienti o diretti da/alla Frazione di Silì o S.P. 55, dovranno anch’essi transitare per la circonvallazione nord e conseguentemente per la rotonda del Rimedio o potranno utilizzare l’ingresso di via Anglona, che dalla determina parrebbe ricadere nell’area interessata dai divieti di circolazione;
– se la Giunta Lutzu con la dovuta lungimiranza ha previsto, prima dell’inizio del periodo riguardante i divieti di circolazione nell’ingresso Ovest, la realizzazione di una qualche tipo di bretella che possa collegare direttamente la circonvallazione nord con il centro abitato o qualche altro percorso alternativo a quello evidenziato in determina;
– quali limitazioni sono di fatto previsti per i residenti di via Vandalino Casu.

 I Consiglieri Comunali
Francesco Federico, Andrea Riccio, Efisio Sanna, Maria Obinu, Patrizia Cadau, Monica Masia

Non è meglio iniziare i lavori del Foro Boario ai primi di gennaio?ultima modifica: 2020-10-06T23:45:14+02:00da frafederico
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento