Interpellanza sui problemi dei parcheggi a pagamento ad Oristano

20180927_075206_FotorDal mese di maggio non è possibile pagare i parcheggi nelle strisce blu utilizzando il bancomat. E anche l’app, messa nuovamente a disposizione per gli smartphone, non è fruibile con tutte le carte di credito.

In cinque mesi la Giunta Lutzu non si è attivata per risolvere il problema che si concretizza in costi e disagi quotidiani per l’utenza.
Infatti l’utilizzo delle sole monete non permette di modulare in maniera ottimale il pagamento e la durata necessaria del parcheggio, in quanto i parchimetri non sono impostati per rendere l’eventuale resto, inoltre anche l’app che dovrebbe servire l’utenza in caso di necessità di prorogare il tempo del parcheggio, non è utilizzabile da tutti proprio per i limiti che si riscontrano nell’accettazione di solo una parte dei circuiti di credito.

Tutto ciò senza dimenticare che l’impedito utilizzo del bancomat all’utenza potrebbe creare un danno economico a chi gestisce il servizio e di riflesso al Comune, nella gestione di ricorsi ad eventuali contravvenzioni per mancato pagamento del parcheggio.
Infatti, recenti sentenze hanno stabilito che “in mancanza di dispositivi attrezzati col bancomat gli automobilisti potranno ritenersi autorizzati a parcheggiare gratis e senza il rischio di essere multati” sugli spazi a pagamento contraddistinti dalle strisce blu. Questo in recepimento della norma introdotta dalla legge di stabilità del 2016 secondo cui i dispositivi di controllo della sosta devono essere obbligatoriamente abilitati per i pagamenti con bancomat carte di credito.

Per questo, assieme ai colleghi Maria Obinu (prima firmataria) e Efisio Sanna, abbiamo ritenuto importante sollecitare il sindaco Lutzu presentando all’attenzione sua e della Giunta la seguente interpellanza:

Interpellanza sui problemi dei parcheggi a pagamento

Premesso che in città da diversi anni ormai è in atto il servizio dei parcheggi a pagamento e che per disciplinare lo stesso dal novembre del 2015 è in vigore un regolamento che regolamenta la materia;
atteso che l’obbiettivo di questo regolamento è quello di chiarire le norme di comportamento degli automobilisti che decidono di usufruire del servizio e evidenziare le responsabilità del Comune e della ditta che ha in gestione l’appalto della sosta a pagamento;
rilevato che nel suddetto regolamento all’articolo 3 vengono messe in evidenza le modalità di pagamento del servizio e si legge a chiare lettere che gli automobilisti hanno a disposizione la possibilità di pagare utilizzando i totem presenti in prossimità dei parcheggi tramite pagamento in contanti, oppure attraverso la app messa a disposizione oppure ancora tramite servizio bancomat o carte prepagate;
appurato che per fare questo sono stati investiti dei soldi pubblici con l’obiettivo di installare i parchimetri, monitorare il loro funzionamento e attivare le convenzioni con il creatore della app utilizzata;
verificato che quest’anno, ormai dal mese di maggio agli automobilisti è preclusa la possibilità di effettuare il pagamento tramite bancomat o carte prepagate perché il sistema non è in funzione, e sussistono anche seri problemi nell’utilizzo della app: il nuovo dispositivo infatti non consente l’utilizzo di tutti i tipi di carte di credito. Tutto questo crea vari problemi e spesso in assenza di contante l’automobilista che parcheggia nelle aree riservate alla sosta a pagamento è impossibilitato di poter pagare il servizio, incorrendo così nell’inevitabile sanzione

tutto ciò premesso si interpella il Sindaco e la Giunta per conoscere

– quali siano le cause che hanno portato a questo evidente disservizio e se l’amministrazione ha posto in essere il controllo dovuto nei confronti della ditta che ha in appalto il servizio;
– se dopo le dichiarazioni di intenti sbandierate sulla stampa si vuole passare anche ai fatti concreti nella realizzazione del tagliando di cortesia, come annunciato dall’assessore Tarantini un anno fa, oppure se la questione è definitivamente archiviata;
– a che punto è la gara d’appalto del suddetto servizio, dato che è in scadenza oppure se si intende andare in proroga anche per questo appalto.

Maria Obinu, Efisio Sanna, Francesco Federico

Interpellanza sui problemi dei parcheggi a pagamento ad Oristanoultima modifica: 2018-09-10T23:37:49+02:00da frafederico
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento